Bando 2018

ART. 1 – PREMIO CESARE ZAVATTINI

Con il presente bando è indetta la terza edizione del Premio Cesare Zavattini (qui di seguito Premio) nell’ambito dell’iniziativa “Unarchive”. Il Regolamento del Premio, pubblicato unitamente al bando, ne è parte integrante.

 

ART. 2 – DESTINATARI E FINALITÀ

Il Premio si rivolge a tutti coloro che, professionisti e non, siano interessati a utilizzare il cinema d’archivio e il materiale di repertorio per realizzare nuove creazioni audiovisive di carattere documentario che sappiano connettere in forme e linguaggi originali la dimensione della memoria e della storia con il nostro presente.

 

ART. 3 – CONSISTENZA E ARTICOLAZIONE DEL PREMIO

a) Il Premio Cesare Zavattini richiede la presentazione, su un apposito format, di un progetto di cortometraggio documentario a base parziale o totale di materiale filmico d’archivio della durata massima di 15 minuti. L’iniziativa è articolata in due fasi:

 

– nella prima fase, al termine della scadenza del Bando, una Giuria composta da importanti personalità del cinema e della cultura cinematografica seleziona, tra tutti i progetti pervenuti, dieci finalisti, i cui proponenti acquisiscono il diritto di partecipare gratuitamente a un percorso formativo dedicato al documentario di creazione a base d’archivio, nell’ambito del quale possono approfondire e sviluppare anche il loro progetto. Il percorso formativo, condotto da importanti professionisti del cinema italiano, prevede 124 ore di lezioni frontali e laboratoriali, 36 ore di tutoring individuale (18 in presenza e 18 a distanza), 4 ore di tutoring collettivo, la realizzazione di un dossier di sviluppo e di un teaser per ciascun progetto finalista. Esso si svolgerà tra il mese di luglio e il mese di dicembre 2018, con un calendario didattico che verrà tempestivamente comunicato a tutti i partecipanti. Al termine del percorso formativo e di sviluppo, la stessa Giuria individua tre progetti vincitori fra tutti i finalisti, indicando anche ve n’è uno con potenzialità di sviluppo fino alla dimensione del lungometraggio. A tali progetti sono assegnati servizi gratuiti di produzione e post-produzione, oltre a un premio in denaro di 2.000 euro ciascuno.

– nella seconda fase, tra gennaio e giugno 2019, i progetti vincitori possono essere realizzati dai rispettivi proponenti utilizzando i servizi gratuiti resi disponibili dal Premio. Essi consistono nel supporto di figure professionali (un organizzatore di produzione, un montatore della scena, un montatore del suono, un fonico di mix e un colorist); nella possibilità di fruire di postazioni e tecnologie per effettuare tutte le operazioni di post-produzione; nella possibilità, infine, di utilizzare per ciascun progetto un budget di massimo 1.000 euro (al lordo dell’Iva e delle ritenute di legge), destinato a coprire le spese vive. Tutte le professionalità previste dallo svolgimento della seconda fase del Premio sono individuate dalla Fondazione Aamod, che determina anche i tempi congrui del loro impiego. La risorsa economica disponibile per le spese vive è gestita direttamente dall’organizzatore di produzione. Il premio in denaro viene consegnato all’autore o agli autori solo a chiusura del film nei tempi previsti dal Regolamento, in un apposito evento pubblico.

 

b) Per i teaser dei progetti finalisti e la realizzazione dei progetti vincitori, il materiale filmico d’archivio è reso disponibile in forma gratuita, con licenze Creative Commons 4.0 “Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo”, dalla Fondazione Aamod e dagli Archivi partner del Premio.

 

c) La Fondazione Aamod è produttrice sia dei teaser, sia dei film portati a termine grazie al sostegno del Premio Zavattini. Per questi ultimi, sono possibili co-produzioni e collaborazioni, nei modi da stabilire con appositi contratti. Accettando il presente Bando e il relativo regolamento, gli autori dei progetti vincitori cedono alla Fondazione Aamod i rispettivi diritti, esclusivamente per la diffusione dei prodotti con licenze Creative Commons. Per ogni altra forma di diffusione, si stipulano specifici accordi.

 

ART. 4 – REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

a) Possono partecipare al Premio candidati di età compresa tra i 18 e i 35 anni, senza limiti di nazionalità. Alla data di pubblicazione del presente bando, deve deve essere stata raggiunta la maggiore età e non superata la soglia dei 35 anni.

 

ART. 5 – DOCUMENTI RICHIESTI PER LA PARTECIPAZIONE

I candidati devono inviare una domanda di partecipazione in formato doc o pdf (redatta sul modello allegato al presente bando – Allegato A), il progetto del cortometraggio che si intende realizzare in formato doc o pdf (redatto sul modello allegato a presente bando – Allegato B), la copia di un documento di riconoscimento valido (in formato pdf o jpg) e il curriculum vitae del candidato o dei candidati (in formato doc o pdf). Per la descrizione dettagliata del materiale da inviare per la partecipazione al Premio, si veda il Regolamento (Art. 3).

 

ART. 6 – TERMINE ULTIMO PER L’INVIO DELLE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE

Le domande di partecipazione al Premio Zavattini dovranno giungere alla Fondazione Aamod entro e non oltre le ore 12 del giorno 22 giugno 2018. Per la descrizione dettagliata delle modalità di invio delle domande, si veda il Regolamento (Art. 4).

 

ART. 7 – ACCETTAZIONE DEL BANDO

Le norme del presente bando e del Regolamento si intendono automaticamente accettate dai partecipanti al Premio.

 

Per ulteriori informazioni si rimanda al Regolamento e alle Faq.

I MATERIALI VIDEO SONO DISPONIBILI SUL CANALE YOUTUBE DELLA FONDAZIONE

Scheda domanda di partecipazione

Scheda progetto