barretta2018-1

I FILM VINCITORI DELLE EDIZIONI PRECEDENTI

Blue screen
di Alessandro Arfuso
e Riccardo Bolo

Massimino
di Pierfrancesco
Li Donni

Fuori programma
di Carla Oppo

Dimenticata militanza
di Patrizio Partino

Mirabilia Urbis
di Milo Adami

Then&Now
di Giulia Tata
e Antonino Torrisi

In Her Shoes
di Maria Iovine

Al Premio Cesare Zavattini possono concorrere, attraverso un bando pubblico con scadenza il 10 Settembre 2020, giovani film-maker professionisti e non, di qualsiasi nazionalità, di età compresa tra i 18 e i 35 anni: basta presentare il progetto di un cortometraggio, della durata massima di 15 minuti, che preveda l’utilizzazione anche parziale del materiale filmico della Fondazione Aamod, degli archivi partner o di altri archivi. Tra i progetti pervenuti, una Giuria composta da cinque importanti personalità del cinema italiano sceglie nove finalisti, i cui autori hanno la possibilità di partecipare a incontri formativi e di sviluppo guidati da affermati professionisti. Al termine, la stessa Giuria seleziona tra i finalisti tre progetti vincitori che, oltre a utilizzare liberamente il materiale filmico dell’Aamod e degli archivi partner, ricevono servizi gratuiti di supporto per la realizzazione dei cortometraggi e la somma di 2.000 euro per ciascun progetto realizzato. Gli incontri formativi e di sviluppo si terranno tra Settembre e Dicembre 2020, mentre la fase realizzativa è prevista tra Febbraio e Maggio 2021.

I MATERIALI VIDEO SONO DISPONIBILI SUL CANALE YOUTUBE DELLA FONDAZIONE
“L’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio è un archivio più del presente che del passato, e i materiali valorosamente raccolti non stanno là nelle scaffalature in una indeterminata attesa, diventando cioè sempre più archivio, secondo il vecchio vocabolario, ma sono invece percorsi da una viva impazienza di entrare nella dialettica odierna delle lotte democratiche, di contribuire a creare una informazione più libera fin dalla sua radice”.
Cesare Zavattini, 1980